Omega 3 integratori benefici omega 3 epa e dha alto compra online

Qualità e Sicurezza Islandese dal 1938

Nel mondo siamo di casa

Omega 3 Ideale

www.omega3-ideale.it
info@omega3-ideale.it

Tel: +39.0432.741045
Mob: +39.340.6423382
Fax: +39.0432.741045

Via Divisione Julia 62,
33044 Manzano(UD)

Benefici Omega 3

I principali acidi grassi insaturi del gruppo Omega-3 sono EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico). Sono acidi grassi essenziali in quanto non possono essere prodotti dall’organismo: in altre parole, la quantità di queste sostanze che abbiamo nel corpo dipende direttamente dalla quota introdotta attraverso l’alimentazione. E determinante correggere il bilancio tra gli acidi grassi essenziali Omega 3 e Omega 6 nel mantenimento dello stato di salute. La sostituzione nella dieta dei grassi saturi con grassi insaturi contribuisce al mantenimento di livelli normali del colesterolo nel sangue (gli acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi sono grassi insaturi).

  • Riduzione dei meccanismi dell'infiammazione;
  • Riduzione dello squilibrio tra gli Omega 3 e Omega 6;
  • Mantenimento di una corretta funzionalità cardiaca;
  • Aumento dello sviluppo cognitivo e cerebrale già a partire dalla prima infanzia;
  • Soddisfano l’aumentato fabbisogno di acidi grassi durante la gravidanza e l’allattamento;
  • Aumento del tono dell’umore grazie alla stimolazione del rilascio di dopamina e serotonina;

 

Gli acidi grassi Omega 3 per un sangue più fluido

Gli acidi grassi Omega 3 rappresentano un ottimo modo per aiutare il sangue a fluire liberamente attraverso le arterie grazie alle loro capacita anticoagulanti. Un sangue troppo denso incontra maggiori difficolta nel suo percorso. Il cuore, di conseguenza, deve contrarsi con forza maggiore per vincere le resistenze periferiche ed imprimere al sangue una notevole pressione. Per questo motivo un Ematocrito(il rapporto percentuale tra i globuli rossi eritrociti e la parte liquida del sangue, detta plasma) troppo alto può vincere la resistenza dei vasi sanguini causando, per esempio, una pericolosissima emorragia cerebrale. Un elevato ematocrito favorisce anche la formazione di coaguli di sangue trombi, che possono andare ad occludere vasi importanti, con tutte le conseguenze negative del caso infarto e ictus nei casi più gravi. L'aumento della circolazione del sangue comporta il maggior apporto di ossigeno verso tutti gli organi del nostro corpo. E l'ossigeno che brucia i grassi nel nostro organismo.

Un sangue fluido può arrivare a tutte le estremità del nostro corpo aumentando anche la Virilita maschile.

Allo stesso modo le linee guida nazionali raccomandano l’assunzione giornaliera di almeno 250 mg EPA+DHA  acidi grassi Omega 3, al fine di ridurre la mortalità cardiaca improvvisa, le aritmie ventricolari, la fibrillazione atriale e l’ictus ischemico. 

Gli Omega 3 contro gli Omega 6 per prevenire l'infiammazione silente nell'organismo

Esistono due tipi di infiammazione: quella classica, una risposta intensa e acuta che causa dolore e quella cronica di basso livello al di sotto della soglia di percezione del dolore. quest'ultima è definita infiammazione silente. Un marcatore dell'infiammazione silente e il rapporto tra due acidi grassi fondamentali in circolo. Il primo è l'acido arachidonico (AA) del gruppo degli Omega 6 è un precursore degli eicosanoidi proinfiammatori. Il secondo è un Omega 3, l'acido eicosapentaenoico (EPA) che genera gli eicosanoidi antiinfiammatori. Gli Omega 3 partecipano alla costituzione del sistema nervoso, rendono le cellule più elastiche, calmano le reazioni infiammatorie e limitano la fabbricazione delle cellule adipose. Gli Omega 6, invece, stimolano la fabbricazione di cellule adipose sin dalla nascita e favoriscono l'accumulo di grassi, la rigidità delle cellule, la coagulazione e le risposte infiammatorie alle aggressioni esterne. L'equilibrio della fisiologia umana dipende strettamente dal bilanciamento tra Omega 3 e 6, ed e proprio questo rapporto ad aver registrato il cambiamento più eclatante nella nostra alimentazione durante gli ultimi cinquant'anni.

La quantità di Omega 3 e 6 che abbiamo nel corpo dipende direttamente dalla quota introdotta attraverso l'alimentazione, che a sua volta dipende da ciò che hanno mangiato le mucche e le galline dalle quali derivano i nostri alimenti. Se mangiano erba, la carne, il latte e le uova risultano perfettamente bilanciati tra Omega 3 e Omega 6, secondo una proporzione vicina a 1:4. Se invece vengono pasturati a mais e soia, ecco che lo squilibrio nel nostro organismo raggiunge i livelli attuali, ossia 1:15 o addirittura 1:40.

Gli Omega 3 contro i disturbi cardiovascolari

Omega 3 ad elevato contenuto di EPA e DHA è altamente indicato per la prevenzione di infarto del miocardio ed ictus, sia primari che secondari. Questo non solo grazie all'azione antiaterosclerotica dovuta alla riduzione dei livelli di trigliceridi e colesterolo nel sangue, ma anche ad altre funzioni benefiche a carico dell'apparato cardiovascolare e cerebrovascolare:

  • Riduce il rischio di trombosi grazie all'azione anticoagulante;
  • Riduce la suscettibilità alle aritmie ventricolari;
  • Svolge un'azione antipertensiva.

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato l'uso degli Omega 3 per la riduzione del rischio di sviluppare una cardiopatia coronarica (CHD), e nella prevenzione dell'infarto.

L'acido grasso DHA e la gravidanza

La Comunità Europea ha emanato raccomandazioni nutrizionali, inerenti l'assunzione di lipidi durante il periodo gestazionale e post-partum, le quali affermano che "in gravidanza ed allattamento, la donna deve conseguire un'assunzione dietetica giornaliera di almeno 200 mg di DHA" 

Gli Omega 3 per lo sviluppo cognitivo e cerebrale del bambino

Gli acidi grassi insaturi EPA e DHA contribuiscono al mantenimento della normale funzione cerebrale. Il DHA e  indispensabile per il corretto sviluppo cerebrale del bambino già a partire dalla prima infanzia, in quanto si concentra nelle cellule nervose, dove e componente essenziale. L’effetto benefico si ottiene con l’assunzione giornaliera di 250 mg di DHA. Evidenze sperimentali hanno dimostrato che i bambini con difficoltà nello sviluppo cognitivo e motorio presentano generalmente una carenza di acidi grassi polinsaturi EPA e DHA.

Gli EPA e DHA contro la ipertrigliceridemia

Sono stati effettuati numerosi studi volti a confermare l'efficacia dell'assunzione degli Omega 3 nei pazienti affetti da ipertrigliceridemia. La Food and Drug Administration (FDA) ha confermato che la dose giornaliera consigliata di Omega 3  per l'abbassamento dei livelli ematici di trigliceridi è pari a circa 2000 mg di EPA+DHA. 

Gli Omega 3 per il buon umore

Il DHA è una materia prima essenziale per la formazione delle reti neurali  (cablaggio elettrico del cervello) e il suo consumo aumenta la velocità di trasmissione dell’impulso nervoso, associata a un miglioramento della concentrazione. Inoltre, il DHA (e in parte l’EPA), contribuiscono a regolare i vari neurotrasmettitori cerebrali (ad esempio, la serotonina, dopamina), coinvolti nella modulazione dell’umore e di altri processi cerebrali.

Per i disturbi dell’umore è stata provata l’efficacia del pesce, e quindi degli Omega 3. In Inghilterra, uno studioso ha somministrato ai pazienti di una casa di cura, delle dosi giornaliere di 1000 mg di EPA+DHA ,dopo circa 3 mesi le persone riscontravano un miglioramento dell’ansia, della tristezza e dell’insonnia.  

Offerte in evidenza

01

Agosto

2016

Offerta del mese

    Tutto il mese di dicembre Offerta 3X2...

Ultime news

15

Giugno

2016

Ictus: 3 su 4 son...

  Ictus: 3 su 4 sono causati da stili di vita...

Iscrizione newsletter
Ho letto ed accetto l'informativa sulla privacy.
Lysi Italy Snc P.IVA 02724070301
Tel: +39.0432.741045 - Mob: +39.340.6423382 Fax: +39.0432.741045 - E-mail: info@omega3-ideale.it - Directory - Olio di fegato di squalo